Posted on 02/03/2021 · Posted in Autotrasporto, Normative, Varie

Di seguito gli aggiornamenti giunti tra il 24 febbraio e l’1 marzo in merito alle misure di regolamentazione del traffico merci alle frontiere adottate da parte degli Stati a seguito dell’emergenza Covid; inoltre, in allegato il consueto documento riepilogativo schematico con tutte le decisioni dei Paesi UE ed extra UE.

GERMANIA: si comunica che sul lato tedesco dell’Autostrada Inntal A93, vicino all’uscita 57 Reischenhart presso l’Inntaler Autohof Raubling, è stato aperto un nuovo centro per sottoporsi gratuitamente ai test anti-Covid. Il centro è dedicato ai i conducenti che viaggiano in direzione Austria / Italia nel caso in cui rientrino in Germania entro 48 ore. Si rammenta che gli autotrasportatori necessitano di un certificato medico o del risultato del test negativo per l’ingresso in Germania se sono transitati negli ultimi 10 giorni in qualche zona ad alto rischio e che devono essere stati fatti non più tardi di 48 ore prima dell’ingresso nel Paese.

GRECIA: sono state annunciate nuove restrizioni per l’ingresso in Grecia attraverso la Kakavia (Grecia-Albania) ed Evzoni (Grecia-Macedonia del Nord) nel tentativo di limitare la diffusione del coronavirus (Covid-19)
In particolare, fino al 15 marzo: l’ingresso attraverso i suddetti valichi di confine sarà consentito tassativamente tra le 7:00 e le 19:00 (la quota giornaliera di ingresso è stabilita in 400 veicoli rispetto alla consueta quota di 700).

Sarà necessario sottoporsi a un test rapido anti- Covid e a coloro che risulteranno positivi verrà negato l’ingresso.
Gli autotrasporatori devono compilare un modulo di localizzazione prima del viaggio.

I test rapidi vengono eseguiti anche nei porti di Patrasso e Igoumenitsa e nel valico di frontiera con la Bulgaria di Promahonas.

LETTONIA: è stato deciso che gli autotrasportatori non debbano più possedere un test anti-Covid negativo per entrare nel Paese; dovranno comunque avere il certificato di lavoratore del trasporto internazionale (rilasciato e compilato dal datore di lavoro) in formato cartaceo o in formato elettronico e dovranno completare il questionario sul sito web dedicato prima di arrivare nel Paese.

POLONIA: è stato specificato che tutti gli autotrasportatori che entrano nel Paese dalla Repubblica Ceca o dalla Slovacchia (impegnati in un trasporto stradale o combinato internazionale, di ritorno dall’estero o semplicemente in transito) sono esentati dall’obbligo di quarantena e di certificazione negativa a un test anti-Covid. Tutte le informazioni fornite dalla polizia di frontiera sono disponibili a questa pagina.

FED. RUSSA: la precedente misura restrittiva che riguarda il divieto di transito lungo le strade della regione di Mosca e la tangenziale di Mosca è stata prorogata fino al 23 febbraio 2022.

http://cadrighetti.it/wp-content/uploads/2021/03/01-03-Restrizioni-UE-ed-extraUE-alla-circolazione-veicoli-merci-per-emergenza-Coronavirus-1.pdf